Ciclismo

TDU, la prima del 2019 è di Letizia Paternoster

Il 2019 del ciclismo femminile si apre immediatamente sotto il segno di Letizia Paternoster. La 19enne trentina si è infatti imposta nella prima tappa del Santos Women’s Tour Down Under, la gara australiana che rappresenta l’apertura del calendario internazionale.

L’azzurra si è imposta in volata al termine dei 113 km della frazione scattata da Hahndorf e conclusasi a Birdwood, sfruttando al meglio il lavoro delle compagne di squadra e facendo valere nello sprint concluso quelle doti di esplosività che ben conosciamo e che le hanno consentito in questa occasione di imporsi nettamente, quasi levando di ruota le avversarie e regalando così uno storico successo alla Trek – Segafredo, subito capace di portare a casa il successo nella gara d’esordio in campo femminile. Ovviamente per Paternoster arriva anche la maglia ocra di leader della generale.

Al secondo posto ha concluso l’esperta Sarah Roy della Mitchelton – Scott, mentre il podio è stato completato dalla sempre presente cubana Arlenis Sierra che ha dato la prima soddisfazione dell’anno all’Astana Women’s Team. Dietro alla canadese Alison Jackson, da rimarcare la quinta posizione di Rachele Barbieri, anche lei all’esordio con una nuova divisa, quella della BePink. Sesta posizione per un grande nome come Ashleigh Moolman, debuttante con la CCC – Liv per un ordine d’arrivo davvero internazionale, con quattro continenti rappresentati nei primi sei posti. Completano la top ten Raynolds, Wiasiak, Fisher-Black e Hosking.

Lo sprint conclusivo è stato il momento caratterizzante di una frazione che per il resto non ha offerto spunti di cronaca particolarmente interessanti. Infatti il gruppo è rimasto compatto per tutta la durata della corsa e gli unici movimenti si sono registrati in corrispondenza dei due traguardi volanti, vinti da Hosking ed Elvin, e dei tre Gpm, nei quali la protagonista principale è stata Nadia Quagliotto, capace di passare per prima nelle ultime due salite di giornata, bagnando così la prima corsa in casacca Alé Cipollini con la maglia di leader della speciale classifica delle scalatrici. Da segnalare tra le italiane anche un’Elena Pirrone molto attiva in salita.

Indicazioni interessanti in vista della seconda frazione, da Nurloopa ad Angaston, che presenterà l’arrivo in salita sulla Mengler Hill e potrebbe dare risposte decisive nella lotta per la classifica generale.

(foto dal profilo Twitter ufficiale Santos Tour Down Under)

More from Ciclismo